se vi piacciono i miei lavori...

giovedì 30 dicembre 2010

l'anno vecchio che se ne va...

Fare un bilancio ad ogni fine d'anno è ormai mia abitudine da molto tempo, solo che prima lo facevo con me stessa, ma da quando ho un blog scrivo un post per dire cosa penso dell'anno che sta per finire, lo facevo anche sul vecchio blog che ora è stato definitivamente cancellato.
Che dire di questo 2010?
Un anno iniziato sicuramente male: ero disperata, senza lavoro, mi lamentavo ogni giorno, non volevo parlare con la gente, ho sfiorato la depressione, me ne rendo conto.
A settembre è arrivato questo lavoretto, una cosa da nulla, ma che mi aveva dato una certa carica e un certo entusiasmo, sembravo quasi un'altra persona e, anche se non era proprio quello che volevo, era meglio di nulla, anche se occorrva tanto impegno e fatica ero felice di farlo. Poi, con il passare dei mesi il lavoro è aumentato e in proporzione i guadagni sono pochi, un po' deludente devo dire (poi, detto tra noi, la signora per cui lavoro non capisce un tubo). A  volte penso di andarmene, di lasciare il lavoro al centro dove sono insegnante di doposcuola. E poi? Cosa faccio? Torno ad essere quella che ero a gennaio e febbraio?
Da una parte la delusione e il fatto di non essere apprezzata, dall'altra lo spettro della depressione, una fine d'anno in bilico insomma, un po' brutta e triste devo dire, quindi non posso che augurarmi un 2011 migliore, e non posso che augurarlo anche  a voi tutti!
P.S. qualcuno dirà: <<Ma c'è solo il lavoro?>> Per me si, almeno per ora...
Baci a tutti.


martedì 28 dicembre 2010

decorazioni per l'albero all'uncinetto e a filet

Salve a tutti, come state? Come è andato il Natale? Spero bene. L'altra volta vi mostrai le decorazioni fuoriporta e i centri natalizi, oggi vi mostro le decorazioni e le palline per l'albero di Natale che ho realizzato gli anni scorsi all'uncinetto e a filet. Spero vi piacciano!


















domenica 19 dicembre 2010

primo premio per questo blog

Buonasera a tutti, eccomi di nuovo qua. Questa volta vi mostro il premio che mi ha consegnato la mia amica Angelica. Si tratta del premio "me encanta tù blog" e sono molto felice perchè è il primo premio che ricevo da quando ho questo nuovo blog.
Ecco il premio:


insieme al premio c'è anche un piccolo test:

1. perchè hai creato un blog? perchè voglio conoscere nuove persone, trovare amici virtuali, mostrare le foto dei miei lavori, scambiare opinioni e consigli con amiche creative.

2.che tipo di blog segui? principalmente blog creativi.

3.hai una marca preferita di trucco? si, pupa, deborah e maybelline new york
4.marca per il vestito? no, compro quello che mi piace e che mi sta bene
5.qual è il tuo prodotto di trucco indispensabile? il rossetto
6.il tuo colore preferito? azzurro, verde, arancio e giallo.

7.il tuo profumo? vaniglia, agrumi, the verde.

8.il film che ti piace di più? mi piacciono i film in bianco e nero, in particolare quelli di Totò
9.quale paese ti piacerebbe visitare e perchè? mi piacerebbe visitare l'Irlanda e la Scozia, con i loro piccoli e graziosi paesi immersi nel verde.

Dovrei scegliere 5 persone a cui assegnare il premio, ma lo assegno e lo dedico a tutti voi, prendetelo se vi piace, così, se fate il test, ci conosciamo un po' meglio!
Bacioni a  tutti!

domenica 12 dicembre 2010

Decorazioni fuoriporta natalizie degli anni scorsi

Buonasera a tutti voi, come state? Cosa mi raccontate di bello a meno di due settimane da Natale? Io niente, solito lavoro e solita vita, a volte sono stanca, a  volte mi annoio, altre volte mi arrabbio, ma penso che succede a tutti, o no?
La scorsa settimana ho addobbato l'albero ma ho avuto la brutta sorpresa di trovare il presepe rovinato giù in garage, così a me e a mio fratello è venuta l'idea di farlo noi partendo quasi da zero.
Devo dire che è una vera faticaccia, ma ci stiamo divertendo e speriamo di finirlo in tempo utile (diciamo che soprattutto speriamo di finirlo!) visto che lavoriamo solo un po' la sera. Se verrà fuori un lavoro decente spero di riuscire a farvelo vedere! Intanto vi mostro le decorazioni fuoriporta che ho realizzato gli anni scorsi per Natale, baci a tutti!




domenica 28 novembre 2010

Prima domenica d'Avvento...

... vale a dire che entriamo pienamente nel periodo natalizio, anche se, mai come quest'anno, almeno qua da me, non so da voi, si vede una corsa frenetica ai preparativi per il Natale. Già dall'inizio di novembre, la gente si affretta a comprare i regali, senza nemmeno aspettare la tredicesima! Ma non c'era la crisi? Boh? Mio fratello e mia madre dicono che sembra che la gente abbia paura di qualcosa, che abbia paura che accada qualcosa di brutto che impedisca i preparativi per il Natale. Ma, dico io, il 21 dicembre 2012 non è tra due anni? (ma voi ci credete? Io no!) Mah... per me è solo fretta per paura di non trovare quello che si vuole. Forse rientro anch'io in questo gruppo di frettolosi, visto che ho quasi comprato tutti i regali perchè avevo paura di non trovare quello che cercavo... eh eh...
Parlando di Natale, voglio mostrarvi dei centri natalizi all'uncinetto che ho realizzato lo scorso anno su commissione:









Baci e buona domenica sera a tutti!





mercoledì 17 novembre 2010

che fatica stare con i bambini!...

Salve a tutti, è un po' che non scrivo in questo blog, nll'altro, http://schemiperpassione.blogspot.com/ , ho pubblicato un paio di schemi natalizi, ma qui è da parecchio che non scrivo, questo perchè mi collego solo un paio di volte alla settimana e  spesso sono stanca. Stasera in particolare ho la testa che mi scoppia, sento ancora le voci dei bambini nelle orecchie: chi litiga con il compagno, chi non riesce a fare i compiti, chi si distrae, chi aspetta me perchè non sa fare niente da solo... insomma stanno proprio rovinati, qualcuno di voi potrebbe dire che se non fossero messi così male non avrebbero bisogno del doposcuola, d'accordo, ma la cosa più grave non è il fatto che vanno male a scuola punto è basta, ma è il fatto che in loro non vedo impegno, nè spirito di sacrificio, al contrario vedo tanta strafottenza e superficialità, ma io non intendo la superficialità come la intende la mia datrice di lavoro, per lei la superficialità è pensare ai ragazzi  e truccarsi a 10 anni, per me è non dare importanza a quello che è davvero importante, all'impegno, al rispetto per gli altri, per chi fa tanto e si preoccupa per te. Purtroppo questi bambini non hanno rispetto per gli adulti, nemmeno per i loro genitori, sono maleducati e spesso intrattabili. Ci sono dei momenti in cui non so come comportarmi, vorrei essere dolce, sempre allegra e disponibile con tutti, vorrei insegnare loro tante cose, vorrei giocare, ridere e scherzare, a volte lo faccio, ma spesso usare il pugno di ferro aiuta e solo sgridandoli (e io grido forte!) e minacciandoli si riesce ad ottenere quello che si deve, ossia attenzione, rispetto e compiti fatti bene. A volte sono la prima a stare male quando devo sgridare un bambino, ma quando ci vuole ci vuole. Fortunatamente nessuno ha da ridire, nè la signora, perchè a lei interessa che i compiti siano fatti e fatti bene, nè tantomeno i genitori che sanno come sono i figli. Gli unici che avrebbero qualcosa da ridire sono i bambini, loro nelle 3-4 ore del doposcuola vorrebbero sempre giocare, scherzare, chiacchierare, tutto fuorchè fare i compiti...

mercoledì 3 novembre 2010

ciao biondina

Quando sei sparita, più di due mesi fa, ho pensato ad una fuga, ad una ragazzata, per dimostrare chissà cosa ai tuoi genitori e ai tuoi amici, vedevo la tua famiglia disperata che aspettava il tuo ritorno. I giorni passavano e pensavo che ti fosse accaduto qualcosa di brutto, che qualcuno ti avesse fatto del male. Meno di un mese fa ti hanno ritrovata in fondo ad un pozzo, morta.
Il pozzo era nelle campagne della tua Avetrana, non lontano da quei luoghi che ti avevano vista crescere, non lontano dal quel tuo piccolo mondo di adolescente dove vivevi e sognavi.
Subito tuo zio venne indicato come l'orco che ti aveva violentata e uccisa per paura che tu potessi parlare, poi la vicenda è diventata più complicata, probabilmente nel tuo omicidio c'entra tua cugina Sabrina, la tua migliore amica, la sorella che non avevi mai avuto, colei che, avendo 7 anni più di te, avrebbe dovuto esserti sempre vicina, consigliarti, proteggerti e aiutarti. E' troppo brutto pensare che sia stata lei. E perchè poi? Qual è il motivo che l'ha spinta ad uccidere la sua cuginetta? Era folle? Era gelosa di te, della tua bellezza, della tua freschezza? C'entrava un ragazzo che piaceva ad entrambe? Chissà... forse voleva diventare famosa. Ci è riuscita, ora tutti conoscono il suo nome e la sua faccia, e molti pensano che sia un'assassina, bel modo davvero di far parlare di sé, non trovi?
Solo tu conosci la verità, le autorità brancolano nel buio, le prove sono confuse e non portano in un'unica direzione.
A volte mi chiedo come tu abbia fatto a non accorgerti mai di qualche strano atteggiamento di tuo zio o di tua cugina, forse eri ingenua, o avevi paura di raccontarlo a qualcuno, o forse costoro sapevano nascondere bene i loro sentimenti al punto che tu ti fidavi sempre di loro, anche il giorno in cui sei stata uccisa, povera piccola.
La tua vicenda ha scosso l'Italia intera e c'è anche qualcuno che è diventato diffidente nei confronti dei parenti, anche di quelli più stretti.
Ciao Sarah, ciao biondina sempre allegra e sorridente, spero che il tuo caso sia risolto al più presto e che chi ti ha ucciso la paghi cara, che se ciò non servirà a riportarti tra i vivi.


domenica 31 ottobre 2010

10 anni fa ero una strega...

...si ma solo in questa serata, visto che questa è la notte di Halloween! Avevo 16 anni ed ero una liceale po' pazza con delle amiche più pazze di me. Una di queste mie amiche, avendo una casa molto grande, aveva organizzato una festa di Halloween e noi tutte ci vestimmo da streghe, ovviamente ognuna interpretò il travestimento in modo diverso, ma sfruttando abiti normali, senza comprare nulla o quasi. Io organizzai il mio travestimento in un lampo e mi divertii tantissimo. Indossavo una lunga gonna nera, che era pure estiva (quindi vi lascio immaginare il freddo, ma l'importante era divertirsi) e una maglia grigio scuro, avevo le calze coprenti nere e calzavo un paio di scarponcini neri con il tacco grosso e non troppo alto, avevo un cappello nero a punta che avevo realizzato io con il cartoncino, i capelli lunghi alle spalle (li avevo tagliati da pochi mesi, mentre ora sono lunghissimi) arruffati e pieni di brillantini, un trucco scurissimo come non mai e le unghie finte colorate con lo smalto nero con i glitter... a detta dei miei amici mancava solo la scopa (non so se fosse un complimento o un'offesa...), fatto sta che ci divertimmo tantissimo, soprattutto quando la sorellina della mia amica, anche se ci conosceva, ci vide e corse via spaventata gridando e piangendo:<<Aiuto,aiuto, sono arrivate le streghe!>>. Noi pensammo che dovevamo davvero far paura!
Sono passati 10 anni e tante cose sono cambiate, anche l'entusiasmo di quella streghetta è leggermente sfumato con il tempo.
Ma la notte di Halloween resta sempre un po' magica. O no?


mercoledì 27 ottobre 2010

Presine all'uncinetto

Un saluto a tutti, oggi è mercoledì e già sono stanchissima, è incredibile quanto ci si possa stressare con i bambini del doposcuola, così ho deciso di trascorrere la serata collegata ad internet, stando distesa sul mio letto con il mio adorato pc portatile al calduccio sotto le coperte, che con il freddo che fa è quello che ci vuole. Credo proprio che farò di ogni mercoledì sera la mia serata internet, spero di riuscirci.
Ma veniamo alle foto dei miei lavoretti che continuo a trasferire dal vecchio blog.
 Tra i tanti lavori che è possibile realizzare con l'uncinetto devo dire che le presine mi piacciono molto, sono utili, colorate, veloci da eseguire e spesso adatte per fare piccoli regali. Io ne ho eseguite tante, ma ultimamente mi sono divertita parecchio.
Ho realizzato queste presine a forma di girasole per una sposa che ha decorato tutta la sua cucina con  questi bellissimi fiori che anch'io amo tanto:

invece queste a forma di fette di agrumi le ho realizzate per regalarle ad una signora mia cliente che mi aveva commissionato molti lavori e mi aveva fatto guadagnare un po' di soldini:

queste ultime invece le ho realizzate per la mia mamma:


Sottolineo che gli schemi di tutte queste presine sono di mia invenzione.
Bacioni a tutti e buonanotte.

domenica 24 ottobre 2010

Torta di pere e cioccolato

Come ho già scritto io adoro il cioccolato, ne sono golosissima, ne mangerei a quintali e poi adoro preparare i dolci (anche mangiarli, in verità), così ieri sera ho sperimentato una nuova torta che non avevo mai preparato: la torta di pere e cioccolato.
Ecco la ricetta:

Ingredienti:
5 pere medie dolci
300 g. di farina
75 g. di cacaco amaro
250 g. di zucchero
6 uova intere
250 g. di burro
1 bustina e mezza di lievito per dolci
5 cucchiai di latte intero
2 bustine di vanillina

Preparazione:
Con uno sbattitore elettrico, impastare lo zucchero, i tuorli d'uovo e il burro ammorbidito finchè diventano cremosi, incorporare gli albumi montati a neve e impastare bene.
Unire la vanillina e il latte. Aggiungere la farina e impastare attentamente. Unire il cacao poco per volta mescolando con cura. Unire il lievito impastando energicamente. Sbucciare le pere e tagliarle a fettine sottili, mescolarne i due terzi all'impasto con un cucchiaio. Versare il tutto in una tortiera imburrata e infarinata di circa 26 cm di diametro. Livellare bene l'impasto e distribuire sopra le fettine di pera rimaste.
Infornare a 180° per 50-60 minuti (forno ventilato).

Ecco il risultato...



Buon appetito!

lunedì 18 ottobre 2010

Sciarpe a maglia

Salve a tutti quelli che sono passati e che passerano su questo blog dopo l'avviso che ho fatto sul vecchio, ovviamente grazie a chi è già passato, visto che le visite sono aumentate rispetto ai giorni scorsi.
Anche stasera posterò delle foto di vecchi lavori trasferite dal blog di windows live. E' la volta delle sciarpe lavorate a maglia. Dovete sapere che io lavoro all'uncinetto da quando avevo 6 anni (quet'anno sono vent'anni!), ma la maglia, rispetto all'uncinetto, è una passione recente, sono solo 3 anni che so lavorare e non ho mai il tempo di imparare a lavorare tutti i punti che vorrei, perciò i miei lavoretti sono molto semplici e si limitano alla maglia legaccio, maglia rasata e punto coste.
Anche le sciarpe che seguono sono semplici.
La prima l'ho realizzata per me con un lana sfumata arcobaleno a maglia legaccio



la seconda è sempre mia realizzata anch'essa a maglia legaccio con lana bordeaux screziata di arancione e grigio



anche questa è mia, realizzata a coste larghe in una morbidissima lana verde con leggere sfumature di rosa, lilla, giallo e grigio



questa, invece, sempre per me, è di cotone, con rifiniture all'uncinetto e decorazioni di perline



le ultime due le ho realizzate per il mio papà, una è gialla con le righe grigie e le frange, lavorata a maglia rasata



l'altra è tutta grigia lavorata a punto coste 1 a 1 (un lavoraccio!)



Cosa ne pensate? Vi piacciono? Quale vi piace di più?
Un baciotto a tutti voi!

domenica 17 ottobre 2010

Finalmente un po' di lavoro

Forse il titolo di questo post non dirà molto alla maggior parte di voi, ma chi mi conosce penso che abbia già capito. Sto lavorando, si, proprio così, ho iniziato a lavorare da un mese e mezzo circa, per l'esattezza dal primo settembre. Niente di speciale, poco più di tre ore al giorno e uno stipendio piccolo piccolo, poco per una laureata (dal 27 maggio 2009!) come me, ma è qualcosa, meglio di niente in uno schifosissimo periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, e per giunta al sud, dove è risaputo che trovare lavoro è ancora più difficile.
Tutto è iniziato il 30 agosto, un giorno in cui l'aria già un po' più  fresca mi diceva che l'estate era ormai alla fine e io già mi disperavo pensando che quest'anno avrei fatto la fine dell'anno scorso quando, dopo essermi laureata e aver fatto le domande per insegnare e non solo, sono rimasta ferma per un anno intero in cui i lavoretti a mano che ho venduto sono stati la mia unica fonte di (scarso) guadagno. Si, avevo paura, a casa mi sentivo sprecata e sempre più depressa, andando avanti così non so davvero cosa avrei fatto. Ero arrivata al punto che mi vergognavo di parlare con la gente e ancor di più con i miei odiosissimi parenti, mi vergognavo perchè non lavoravo. Dicevo, il 30 agosto, lunedì, mi chiamò una signora che gestisce un centro dove si effettua il doposcuola per gli studenti delle elementari e delle medie inferiori. Io le avevo portato il curriculum ad aprile, seguendo il consiglio di una signora che conoscevo, e poi non avevo saputo più nulla. Poi la chiamata. Io accettai subito, visto che fino ad allora nessuno mi aveva chiamata. Insomma, non era l'offerta migliore, era l'unica. Se volevo lavorare non avevo scelta, dovevo andarci. Non è nemmeno molto lontano da casa mia, posso tranquillamente arrivarci e piedi, visto che mi piace camminare, poi è al centro del mio paese, in una zona frequentata e trafficata, vicino ai negozi dove vado più spesso a comprare il materiale per i miei lavoretti. Così il primo settembre è stato il mio primo giorno di lavoro e poi ho continuato. Ora faccio doposcuola pomeridiano a 10 bambini delle elementari e qualche volta aiuto la signora con quelli delle medie, soprattutto con la matematica, visto che sono diplomata al liceo scientifico. Non è tanto, lo so, a volte mi sento degradata perchè con la mia laurea dovrei insegnare materie letterarie alle medie e alle superiori, ma ciò che mi dà forza è pensare che sono stata davvero scelta per il mio curriculum (laurea con 110 e lode!) e non per una raccomandazione, e poi adesso riesco anche a parlare con la gente senza vergognarmi. Diciamo che sono un po' più contenta, anche se il tempo per fare i miei lavoretti è molto diminuito.
Buona serata a tutti!

sabato 16 ottobre 2010

Trasferimento foto: saliscendi di perline

Continua il trasferimento delle foto dal vecchio blog. Oggi è la volta dei saliscendi realizzati interamente con le perline, senza chiusure e parti metalliche, adatti quindi anche a chi è allergico.
Li chiamo così perchè i pendenti possono essere più lunghi o più corti e la collana può essere messa più larga o più stretta.
Ecco il primo che ho realizzato della serie, quello con le palline:



poi ho realizzato quello con i cuoricini, arancione per me e bianco su commissione:




quello con i cerchietti l'ho realizzato per la mia mamma:



quello con i cubi è stato un po' faticoso ma ne è valsa la pena:



ho realizzato quello con le stelle marine per la scorsa estate:



e poi ce n'è un altro davvero speciale in cui i pendenti a forma di goccia vengono fatti passare attraverso una stella, l'ho chiamato perciò "lacrime di stella":



Io li trovo carini, alcuni di essi si possono indossare sia d'estate che d'inverno.
Voi che ne dite?

giovedì 14 ottobre 2010

Trasferimento foto: piantine all'uncinetto

Dopo tanti tentativi (falliti) di creare uno slideshow con le foto dei miei lavoretti, ho deciso di dividerle in gruppi per categorie e di postarle negli interventi, poi, chi desidera vederle, le vedrà qui. 
Inizierò con le piantine all'uncinetto, lavori che hanno riscosso e continuano a riscuotere un discreto successo, ho realizzato moltissimi cactus












sia piccoli (anche come bomboniere)





che grandi






ma anche una piantina di giacinto


Che ne dite?
Spero vi piacciano, e non è che l'inizio...
ho ancora molto da pubblicare!
Ciao a tutti!