se vi piacciono i miei lavori...

mercoledì 27 aprile 2011

per Pasqua mi sono data da fare...

...e ho preparato tante cose con le mie "manine": ho impastato il casatiello "sugna e pepe", tipico della tradizione napoletana. La ricetta era di mia nonna, io non l'avevo mai fatto e mia madre non lo preparava da anni. Ne ho fatti due e mi sono venuti benissimo, morbidi e ben lievitati grazie al lievito madre:


poi ho preparato due pastiere di grano e anche questa è stata per me una prima volta, am non ho seguito la ricetta originale, perchè odio i canditi e detesto l'odore dell'acqua di fiori d'arancio, per cui ho solo aggiunto un po' di aroma limone.

Mio padre, che ama particolarmente questo dolce, ha detto che era buona e leggera, meglio di quella della pasticceria, ma io sono convinta che abbia un po' esagerato.

Poi ho preparato anche due pastiere di riso e cioccolato, Doveva essere una variante della pastiera di grano ma io ho stravolto totalmente la ricetta. Ho voluto rifarla per il terzo anno consecutivo perchè mi piace molto.


Cosa ne dite? Ho impastato per tre giorni consecutivi e non vi dico che male alle spalle ho avuto fino a Pasqua! Bacioni a tutti!

martedì 26 aprile 2011

dopo un quarto di secolo il mostro è ancora lì...

...a Cernobyl e c'è chi dice che la copertura, realizzata in fretta e furia 25 anni fa per imprigionare il materiale nucleare, stia per cedere, facendo rivivere un terribile incubo in tutta l'Europa. Ma sarà vero? Sarebbe una catastrofe.
Io 25 anni fa avevo meno di 2 anni, non posso ricordare quanto accadde, ma i miei genitori mi dicono che a causa della nube tossica non si potevano consumare alimenti freschi, ma solo preparati prima di quel disastroso 26 aprile 1986, alimenti in scatola, insaccati, biscotti e, per me che ero piccola, latte a lunga conservazione. Tutto questo per svariati mesi. Ma per smaltire il materiale radiattivo occorrono circa 24000 anni, un'eternità, di certo non ne bastano 25, ancora oggi a Cernobyl esiste una "zona rossa" a cui non si può accedere, è quella più vicina alla centrale nucleare, e si dice che lì accadano fatti strani e si vedano esseri particolari, uomini e animali con mutazioni frutto delle radiazioni, esseri che nessun giornale e nessuna emittente televisiva ci mostrerà mai, e così sarà anche in Giappone, potranno fare tutto ciò che vogliono, ma l'aria, l'acqua e la terra resteranno contaminate per millenni e forse, quando smetteranno di esserlo, l'uomo sarà già estinto da tempo...

sabato 23 aprile 2011

Buona Pasqua a tutti!

Questo post veloce e frettoloso è per augurare buona Pasqua a tutte le persone che seguono il mio blog e non solo. Un bacio a tutti!





mercoledì 20 aprile 2011

Come si calcola la data della Pasqua?

Sapete come si fa a calcolare la data della Pasqua? Voglio dire: Natale, ad esempio, sappiamo tutti che cade in un giorno fisso, il 25 dicembre, Pasqua invece è una data mobile, che cambia ogni anno, oscillando tra l'inizio della primavera e il 25 aprile all'incirca. Pasqua è la prima domenica dopo la prima luna piena di primavera (la calcolavano così anche gli ebrei), quindi se l'ultima luna piena dell'inverno c'è stata pochi giorni prima dell'inizio della primavera, la Pasqua tarderà ad arrivare, un po' come accade quest'anno, in cui abbiamo una Pasqua alta (è bassa invece quando cade a marzo). Se siete curiosi di conoscere le date di Pasqua del passato e anche del futuro, andate qui, troverete una tabella con le date dal 1970 al 2215!


domenica 17 aprile 2011

Foto di vecchi lavori: fantasie di Pasqua

Quando avevo il vecchio windows live space c'era un album intitolato "fantasie di Pasqua" che ospitava la foto dei miei lavori all'uncinetto realizzati per Pasqua, c'erano le uova di plastica trasparente rivestite all'uncinetto,le farfalle e i fiori di pesco per l'albero di Pasqua e la gallina ai piedi dell'albero...







... c'erano le decorazioni fuoriporta...



...e c'era il centrotavola con l'uovo di polistirolo rivestito all'uncinetto e decorato con fiori sempre all'uncinetto...

BUONA DOMENICA DELLE PALME A TUTTI

domenica 3 aprile 2011

Aiutare? Si, ma solo a chiacchiere...

... mica concretamente. Anzi no, con le chiacchiere e con le bombe. A cosa serve dire di iniziare una guerra per aiutare un popolo che lotta per liberarsi di un dittatore, per poi rifiutarsi di accogliere chi tenta di fuggire dalla guerra, dalla miseria  e dalla fame? Cari francesi, ma allora è vero che siete andati in Libia solo per il petrolio? 
E il problema dei profughi dovrebbe essere solo nostro? Non bastano quelli che già abbiamo?
E l'Europa dov'è?
Perchè ci sono tanti paesi che non li vogliono?
E perchè i fessi siamo sempre noi?
Scusatemi, io non sono razzista, ma siamo realisti: qua si parla di migliaia di persone pronte ad arrivare nel nostro Paese e mi chiedo quanto costerà mantenerli, quali pericoli possono costituire per noi. Se non potranno andare altrove cosa faranno qui? Lavoreranno? Vivranno a spese degli italiani? Ruberanno, o cosa?
Se non si fa qualcosa tra un po' dovremo anche aver paura di uscire di casa.